Produrre energia elettrica, come fare la richiesta per E-distribuzione

Produrre energia elettrica, come fare la richiesta per E-distribuzione

01/02/2020 Off Di Rosa Fabiani

L’ARERA, ovvero l’autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, ha stabilito attraverso il TICA (Testo Integrato delle Connessioni Attive) che ogni produttore di energia elettrica, allo scopo di connettersi alla rete di distribuzione, è tenuto a fare la richiesta all’ente distributore.

Per questa ragione, l’ente distributore E-distribuzione ha creato una sezione apposita nel suo sito, chiamata Area Produttori, per consentire agli aspiranti Enel produttori di fare tale richiesta e seguirne l’andamento.

Va precisato che, per alcuni impianti, la domanda per la connessione ha un iter burocratico semplificato.

 

L’iter semplificato: cos’è, e chi può accedervi

Per quanto riguarda l’iter semplificato, si tratta di un percorso burocratico più semplice e veloce per fare la domanda di connessione.

È stato pensato per le richieste provenienti dagli aspiranti produttori di energia elettrica con impianti fotovoltaici che hanno tutte le seguenti caratteristiche:

  • Sono stati realizzati presso gli utenti finali con punti di prelievo a bassa tensione.
  • Hanno una potenza che non supera quella già disponibile in fase di prelievo.
  • Possiedono una potenza nominale che non supera i 20 kW.
  • Ad essi, contestualmente deve risultare richiesto l’accesso al regime dello scambio sul posto.
  • Devono essere stati realizzati sui tetti degli edifici seguendo le indicazioni presenti nell’articolo 7-bis (quinto comma) del dlgs 28/2011.
  • Ciascuno deve essere l’unico impianto di produzione presente nel punto di prelievo in cui è collocato.

 

Informazioni utili per le domande di connessione in generale

Per fare la domanda al distributore E-distribuzione, tutti gli aspiranti Enel produttori devono registrarsi nell’Area Produttori del sito web della stessa E-distribuzione, ma anche inviare la documentazione.

I vari documenti necessari possono essere comodamente invitati in forma digitale al seguente indirizzo e-mail: produttori@pec.e-distribuzione.it.

Se gli aspiranti produttori hanno intenzione di compilare una richiesta di connessione anche in presenza di un sistema di accumulo nell’impianto, possono farlo seguendo le istruzioni che sono riportate nella Guida Addendum tecnico Storage, consultabile cliccando o pigiando QUI.

Inoltre, per richiedere la connessione di un impianto di produzione, gli aspiranti produttori devono anche registrare tale impianto nel sistema di gestione anagrafica degli impianti, recandosi sul sito web di Terna (www.terna.it).

Proprio alla società di Terna è fondamentale rivolgersi nel caso in cui un aspirante produttore voglia connettere un impianto con una potenza in immissione richiesta di 10.000 kW o superiore: infatti in questo caso E-distribuzione non può essere d’aiuto.

 

L’importo per il preventivo e a chi corrisponderlo

Per poter avviare la procedura di connessione, per gli aspiranti Enel produttori è necessario innanzitutto ottenere un preventivo.

Il costo del preventivo varia in base alla potenza in immissione richiesta:

  • Se la potenza in immissione richiesta è pari o inferiore a 6 kW, il costo è di 30 euro più IVA al 22%.
  • Se è superiore a 6 kW e non superiore a 10 kW, il costo è di 50 euro più IVA al 22%.
  • Se è superiore a 10 kW e non superiore a 50 kW, il costo è di 100 euro più IVA al 22%.
  • Se è superiore a 50 kW e non superiore a 100 kW, il costo è di 200 euro più IVA al 22%.
  • Se è superiore a 100 kW e non superiore a 500 kW, il costo è di 500 euro più IVA al 22%.
  • Se è superiore a 500 kW e non superiore a 1000 kW, il costo è di 1500 euro più IVA al 22%.
  • Se è superiore a 1000 kW, il costo è di 2500 euro più IVA al 22%.

Il corrispettivo va pagato tramite versamento su conto corrente bancario o postale.

Nel caso di versamento tramite conto corrente bancario:

  • La banca è Intesa San Paolo SpA;
  • Il codice IBAN è: IT69 K030 6902 1171 0000 0009 743;
  • Il codice BIC SWIFT è: BCITITMM;
  • Va intestato a: e-distribuzione SpA via Ombrone 2 00198 Roma.

Se si effettua il versamento tramite conto corrente postale, occorre rispettare le seguenti coordinate:

  • Codice IBAN: IT35 B076 0102 0000 0008 5146 892;
  • Codice BIC SWIFT: BPPIITRRXXX;
  • Intestato a: e-distribuzione SpA via Ombrone 2 00198 Roma.

In entrambi i casi, la casuale del versamento richiede in stampatello:

  1. Il nome e il codice fiscale di chi richiede la connessione;
  2. Il seguente testo “COMMERCIALE RETE – CORRISPETTIVO PER L’OTTENIMENTO DEL PREVENTIVO”;
  3. L’eventuale codice POD, qualora la fornitura di energia elettrica sia già esistente.

Da precisare, è anche che l’attestato di versamento di questo contributo va allegato alla domanda per la connessione.